Parte comune

Parte comune

Le parti comuni sono quegli elementi senza i quali il condominio – in quanto tale, e cioè fisicamente - non potrebbe esistere.

Sono oggetto di proprietà comune, se il contrario non risulta dal titolo (art. 1117 c.c.):

Parti comuni essenziali:

- Il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni d'ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e in genere tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune.

Parti comuni non essenziali:

- I locali per la portineria e per l'alloggio del portiere, per la lavanderia, per il riscaldamento centrale, per gli stenditoi e per altri simili servizi in comune, i sottotetti, i parcheggi.

Parti comuni ad uso differenziato:

- Le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere che servono all'uso e al godimento comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli acquedotti e inoltre le fognature e i canali di scarico, gli impianti per l'acqua, per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento e simili, fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini.

Non sono soggette a divisione, a meno che la divisione possa farsi senza rendere più incomodo l'uso della cosa a ciascun condomino.